Il Villaggio Dora, la SS24 e l’area PIP

Accessibilità da migliorare
La zona del Villaggio Dora è ad alta densità residenziale e lamenta limitati collegamenti con gli altri quartieri. È accessibile dal centro storico di Collegno tramite il ponte di Via Sebusto, su cui i flussi di attraversamento sono stati ridotti con l’apertura del parallelo ponte della variante della SP24, raccordo stradale tra il viale Certosa e la località Stazionetta. Quest’ultima è una zona commerciale particolarmente attiva che segna il margine tra il Villaggio Dora residenziale e la zona dei centri commerciali. La zona è attraversata dalla via Pianezza che sottopassa la tangenziale e rimane la relazione diretta tra Collegno e Pianezza. La via Venaria, collega il ponte di via Sebusto alla Stazionetta lungo il margine sud della zona residenziale è segnalata da alcuni residenti per le velocità elevate.


La tangenziale, tipicamente in congestione in questo tratto nelle ore di punta, attraversa la zona residenziale di Villaggio Dora ed è contornata da barriere acustiche.

La SS24 è usata come asse di distribuzione e separa la zona a parco lambita a sud dalla Dora dalla zona commerciale ed industriale PIP di Collegno. Il tracciato ha sezione priva di banchine ed ha caratteri diversi: tratte di carattere urbano, con parcheggi e accessi, e tratte a carattere extraurbano. Le fermate dei bus lungo la SS24 devono essere messe in sicurezza così come i percorsi pedonali, tra cui i collegamenti delle fermate con gli insediamenti. Manca anche un percorso ciclabile sicuro lungo la direttrice. In generale mancano gli accessi ciclopedonali alla zona. Tra gli altri tracciati è particolarmente segnalata la mancanza di un collegamento ciclopedonale sicuro tra il centro di Collegno e la zona dell’IKEA. Esiste un percorso attraverso il parco della Dora che termina in prossimità della rotatoria a cui si allaccia la variante alla SP24, ma si tratta di un percorso pensato per il tempo libero e non illuminato.

La zona dell’area PIP è limitata ad ovest dalla galleria commerciale “La Certosa”, che risente della limitata accessibilità del comparto, e dall’ipermercato “Leroy Merlin”. Vengono segnalate velocità eccessive lungo le strade del comparto, tutte a sezione molto larga. E’ riportata come non utilizzabile la ciclabile che attraversa la zona industriale da est a ovest per mancata manutenzione. Inoltre è un problema la mancanza di manutenzione dei marciapiedi per la cessazione del consorzio che li aveva in carico.

Progettualità da sviluppare
La SS24 è oggetto di una convenzione per la riqualificazione che al momento si è concretizzata con la risistemazione del tratto prospiciente il nuovo complesso di Prima Industrie (tra SS24 e tangenziale) e nella rotatoria che dà accesso al comparto.

È pronto un progetto definitivo di risistemazione dell’intero tracciato nel comune di Collegno della SS24 ma esistono due ordini di problemi. Il primo è che la tratta di SS24 tra SP176 e variante della SS24 è della Città Metropolitana mentre la parte restante (e in particolare quella già riqualificata) è del Comune di Collegno. Inoltre Città Metropolitana e Comune propongono diverse impostazioni della riqualificazione della strada: la prima con sezione più larga, dotata di controstrade, che comporta numerosi espropri mentre il comune propende per un intervento di messa in sicurezza contenendo la sezione nell’attuale sedime.

Nella zona ex-PIP sul lato est della zona industriale sono previsti aumenti di capacità edificatoria per usi diversi dal produttivo, fino ad ora non sfruttata per mancanza di accordi con i privati. Regione potrebbe concedere delle nuove aree produttive tra ex-PIP e Prima Industrie.

I servizi bus nel quartiere Villaggio Dora sono stati recentemente riorganizzati. Il percorso della linea bus CP1, di recente istituzione, che collega il Villaggio Dora a Pianezza e al centro di Collegno per attestarsi all’attuale terminale della metropolitana a Fermi è stato variato per servire le aree a est del Villaggio Dora che affacciano sulla via Allegri.

 

La necessità di ripensare le caratteristiche dell’area
Questa fascia di città è una delle meno consolidate dal punto di vista dell’assetto territoriale e del trasporto pubblico, d’altro canto in questa zona non arriva la metropolitana. Anche la progettualità in essere è ancora poco definita rispetto a quella che riguarda altri ambiti industriali e, in questo senso il PUMS, può svolgere un ruolo importante a supporto del ripensamento delle caratteristiche dell’area.


In particolare, il Piano può fare 5 cose:

  • classificazione funzionale della rete: ruolo dei ponti sulla Dora, rapporti della viabilità extraurbana con quella urbana;
  • assetto della SS24 inteso come asse di distribuzione per l’intero comparto settentrionale da rivedere in relazione al contesto circostante (Parco della Dora, insediamenti residenziali, accesso al centro commerciali dell’area PIP e delle esigenze di tutte le componenti di domanda (mobilità ciclabile e trasporto pubblico);
  • nel Villaggio Dora revisione dell’assetto di via Pianezza e via Venaria alla luce delle loro mutate funzioni;
  • accessibilità alle superfici commerciali;
  • assetto interno e possibili sviluppi dell’area PIP